Storia

Di Carmine Technologies

La “Di Carmine Technologies” nasce da un’idea di Stefano Di Carmine il quale,

 sin da giovanissimo,  inizia ad  interessarsi di ingegneria stimolato dalla passione per le corse automobilistiche.

Tutto ciò che era “tecnologico” rientrava nella sua sfera di interesse, aerei, moto e soprattuto auto da corsa.

Dividere la sua formazione tecnica da quella sportiva non è possibile in quanto le due cose si sovrappongono e si  influenzano  reciprocamente

Le sue prime esperienze nel settore delle competizioni sono legate al kart, disciplina che praticherà per diversi anni.

Stefano_Di_Carmine_ kart

Dal kart , il passaggio alle monoposto è stato naturale e nel 1992 frequenta il corso della scuola federale ACI-CSAI presso l’autodromo di Vallelunga, partecipando successivamente ad alcune gare con vetture monoposto

Stefano_di_carmine_vallelunga

Negli anni successivi  la sua partecipazione alle gare è saltuaria. Gli impegni nelle aziende  di famiglia e gli studi in  ambito aeronautico non lasciano il tempo per coltivare la passione per le corse.

 

Negli anni ’93-’94  intraprende, insieme al  padre, la costruzione di una vettura Sport Prototipo. Il nome Di Carmine, infatti,  non è nuovo nel settore delle competizioni sportive;  già il padre, negli anni ’60 e ’70,  si era cimentato nella costruzione di diverse vetture monoposto.  Questa volta si tratta di una biposto destinata a partecipare alle gare del campionato Sport Prototipi Nazionale e quindi conforme al regolamento tecnico emanato allora dalla Federazione .

sport_prototipo_di_carmine-1

SPORT_PROTOTIPO_di_carmine_2

 

La nuova vettura è un progetto inedito con delle peculiarità telaistiche che, per alcuni aspetti, la renderebbero ancora oggi attuale.

Questa esperienza è stata per lui  molto formativa, infatti gli consente di approfondire tutti gli aspetti concernenti la progettazione e la costruzione di un veicolo destinato alle corse, inoltre assimila le  tecnologie strettamente derivate dal settore aeronautico e largamente diffuse anche nell’ambito  motorsport.

Nello stesso periodo si cimenta anche nelle competizioni motociclistiche allestendo, su commissione, un telaio su base Ducati  per il campionato destinato alle bicilindriche derivate di serie categoria chiamata “Battle of the twins”  attuale campionato Supertwins

Ducati_stefano_di_carmine

 

Negli anni che seguono le aziende di famiglia richiedono la sua presenza in misura sempre maggiore, inoltre gli studi in ingegneria meccanica assorbono gran parte delle sue energie. Quindi,  per un lungo periodo, esce dal settore delle competizioni sportive automobilistiche  concentrandosi nella gestione delle aziende di famiglia, delle quali si interessa dell’aspetto tecnico , allestendo , tra le altre cose , lo stabilimento di produzione di caffè, dove si occupa degli impianti di produzione.

DSC_2069

impianto-di-torrefazione

Nel corso  degli studi Universitari, frequenta il corso di “Architettura Navale”  partecipando nel 2009 anche al progetto “milleunavela per l’Università” nell’ambito del quale si cimenta nella progettazione di imbarcazioni a vela ad elevatissime prestazioni.

Skiff-romatre

 

santostefano-regate-2

Nel 2012 si impegna, come consulente esterno, con un’azienda francese che opera nell’interior design. Si occupa della progettazione della  carpenteria metallica facendo, inoltre,  da trait d’union ta il centro stile ubicato in Francia e gli stabilimenti di produzione a Shanghai.

Nel 2013 si laurea in Ingegneria Meccanica presso l’università degli studi Roma Tre, titolo della tesi :

Analisi tecnico-economica di impianti di raffreddamento per aria comburente di turbogas di piccola potenza.

 

Nel 2014 nasce il progetto “Di Carmine Technologies”